Fondazione /

Sede

La luce che entra dalle vetrate a tutta altezza: è questa, forse, la caratteristica che, per prima, colpisce della sede della Fondazione Gianfranco Ferré, situata all’interno del complesso “Tortona 37”, nel cuore della nuova Milano della creatività. foto

600 metri quadri di superficie totale articolati su due livelli distinti: il piano terra e due ampi soppalchi, secondo una logica di razionalità innanzitutto, ma anche di raffinatezza e di eleganza. Spazi concepiti in un’ottica di multifunzionalità per essere aree di lavoro e di conservazione della documentazione storica, per ospitare incontri, conferenze, lecture ed anche esposizioni di capi ed accessori. foto

Non mancano postazioni accessibili al pubblico per la fruizione - sia in concreto che in forma virtuale, grazie agli strumenti informatici - del patrimonio della Fondazione: disegni, immagini fotografiche, video, testi, la ricchissima collezione di volumi che raccolgono decenni delle più importanti riviste di moda, design e life style di ogni parte del mondo.

La configurazione degli spazi e la loro definizione estetica fanno della Fondazione un luogo autenticamente Ferré, dalla concezione dei volumi nitidi e rigorosamente architettonici, alle altezze importanti e imponenti, sino alle connotazioni cromatiche: pavimenti in resina opaca nera; pareti candide spezzate da parti laccate rosso intenso; superfici rivestite in lamiera di ferro. Per proseguire con le strutture di arredo vere e proprie: grandi librerie in legno laccato bianco incorniciate da elementi portanti in rovere; tavoli e capienti cassettiere in metallo color bronzo con la superficie in vetro satinato nero. foto

Il progetto di definizione degli ambienti della Fondazione è stato affidato all’Architetto Franco Raggi, compagno di università ed amico di Gianfranco Ferré che, con lui, era già stato protagonista di analoghi interventi riguardanti altri spazi in cui lo stilista ha operato ed in particolare la sede di via Pontaccio.

Sono tanti i “segni” di Gianfranco Ferré che consentono di ritrovare appieno il suo stile e soprattutto la sua personalità ricca e complessa. In primo luogo i “pezzi” da lui stesso disegnati: il grande tavolo in lamiera di ferro, che stava nel suo ufficio privato; la chaise longue in cavallino marrone; le poltrone Biedermeier rivestite in lucertola laccata…

Nella Fondazione vivono anche molti oggetti di Gianfranco Ferré: quelli delle sue tante collezioni, quelli che riportava dai suoi viaggi, quelli che riceveva in regalo da amici e collaboratori, ben consapevoli della sua passione: raccogliere. Dal sontuoso vaso-braciere cinese in bronzo lavorato e sbalzato, alla armatura da kendo giapponese, a un curioso metro nautico, ai singolari “uccelli” realizzati da Grégory Morizeau e da Fabius Tita con pezzi di riciclo industriale, al cavalletto da pittore che ha seguito Gianfranco Ferré sin dal suo primissimo studio in Via Conservatorio…Senza contare i tantissimi piccoli-grandi elementi che costellavano e rendevano speciali gli ambienti in cui lo stilista viveva e lavorava: dagli elmi e cappelli di ogni epoca e parte del mondo, ai bracciali - alcuni dei quali autentiche sculture -, alle opere degli artisti a cui lo stilista era legato: tra tutte il suo “profilo” realizzato da Ceroli in legno di abete. E pezzi di design moderno, come le sedie di Tom Dixon, di Ron Arad e di Urano Palma, e la chaise longue “Metamorfosi 3”, pezzo unico di Franco Raggi. foto

“Tortona 37”, il contesto che ora annovera anche la Fondazione Ferré tra le sue realtà, è un complesso architettonico mixed-use, realizzato su progetto di Matteo Thun. E’ composto da cinque edifici disposti a corte su un giardino dal cuore alberato e si inserisce in un processo di significativo riutilizzo del territorio, con un’architettura a basso impatto ambientale, adottando tecnologie in una logica avanzata di efficienza energetica, che trova il suo punto di forza nel condizionamento dell’aria basato sullo sfruttamento geotermico, nell’utilizzo di pannelli radianti e nell’attento studio dell’involucro esterno.

Architettura degli interni: Franco Raggi, con Karim Contarino

Sistema di illuminazione XAL. Xenon Architectural Lighting

Sistema di arredi ZEUS

Rivestimenti in metallo trattato AMIMETAL

Arredi fissi in legno G. BIENATI

  zoom